Molestie in canonica, il parroco chiede il patteggiamento

Lunedì, 5 marzo 2012 – 12:34:00

Alla fine lo ha ammesso. L’ex coparroco di Santa Croce ha confessato di aver abusato di un 20enne di Torrebelvicino, nell’oratorio di Santa Croce a Schio, due giorni prima di Natale. Il segnale c’era stato quando attraverso il proprio avvocato aveva chiesto di patteggiare. E durante l’interrogatorio con il giudice ha ammesso la sua colpa, sebbene ridimensionandola.

Potrebbe chiudersi in tempi brevi quindi la vicenda giudiziaria che vede protagonista il parroco, accusato di violenza sessuale da un giovane che a gennaio ha presentato denuncia ai carabinieri descrivendo nei dettagli gli approcci di quel prete, accusato poi anche da un altro ragazzo. Una notizia che fece gridare allo scandalo e dividere i parrocchiani, tra quelli sconvolti ed increduli, e quelli possibilisti. Ma ora i dubbi sono stati sciolti. Tanto che il suo legale, Michele Carrotta, ha depositato in procura la richiesta di patteggiamento a 1 anno 10 mesi di reclusione, controfirmata dal pm Antonella Toniolo.

Come riporta il Corriere del Veneto, il sacerdote ha già provveduto a liquidare del tutto la parte offesa. Per ora non ci sono cifre. Ma per il momento la Curia vicentina mantiene la stessa posizione di due mesi fa. Cioè la rimozione dall’attività sacerdotale diretta del prete (che già da gennaio non presta più servizio nella parrocchia di Santa Croce di Schio e che non starebbe più celebrando la messa in pubblico) e la piena fiducia verso chi ha condotto l’inchiesta. La curia fa sapere anche che il religioso ha cominciato un percorso di cura.

http://affaritaliani.libero.it/cronache/molestie-in-canonica050312.html

Advertisements