Accusa di molestie, sacerdote assolto dal gip di Paola COSENZA.

Di lui ci siamo già occupati per una vicenda di abusi edilizi per cui è sotto processo: http://laici.forumcommunity.net/?t=30156720

Da l’Avvenire di oggi 10 febbraio 2012, pag. 14

Accusa di molestie, sacerdote assolto dal gip di Paola COSENZA. Il gip del mTribunale di Paola ieri ha assolto, al termine di un processo con rito abbreviato, padre Pio Marotti dall’accusa di abusi sessuali. Secondo la ricostruzione dell’accusa il religioso avrebbe operato delle molestie nei confronti di un minorenne di San Pietro in Amantea, piccolo centro della
costa tirrenica cosentina. Ieri, al termine della sua arringa, il pubblico ministero aveva chiesto la condanna dell’uomo di fede a 6 anni di reclusione. (D. Mar.)


Dall’edizione di oggi 10 febbraio 2012 della Gazzetta del sud, pag. 33

http://www.gazzettadelsud.it/NotiziaGiorna…8a&day=10022012

SAN PIETRO IN AMANTEA
Pedofilia, assolto padre Pio Marotti
Infondate le accuse al religioso
articolo in formato pdf a pagina 33

www.diocesicosenza.it/index.php?opt…id=76&Itemid=99

Marotti P. Pio, O.F.M.

n.a Benevento il 12/02/51; ord. a Frigento (AV) il 20/11/83

Parroco di S. Bartolomeo in San Pietro in Amantea (CS)

C/o Convento S. Bernardino Via S. Bernardino, 5 – 87032 Amantea (CS)

www.tirrenonews.it/Portale/index.ph…ntea&Itemid=512

S. Pietro in Amantea. Chiuse le indagini preliminari sul caso di pedofilia .
Martedì 15 Febbraio 2011 22:13 Giuseppe Marchese
Lunghe e complesse le indagini sul caso di pedofilia che investirebbe il prete del luogo. Indagini durante le quali è stato sentito il giovane che sarebbe stato oggetto delle attenzioni insane sulle quali si tenta di far luce. Indagini nel corso delle quali sono stati sentiti i genitori del giovane i quali hanno reso le proprie dichiarazioni agli inquirenti. Ma il Procuratore ha anche voluto che si facesse ancora più luce sentendo a verbale , con la collaborazione degli agenti del Commissariato di Paola e del Corpo Forestale, anche diversi ragazzi di San Pietro in Amantea. Tutto quindi per accertare la verità..

Ma la cosa grave è che il PM aveva chiesto per il prete la misura cautelare che il GIP di Paola ha respinto, ritenendo non sufficientemente provata la colpevolezza del religioso. Da qui il ricorso del PM al Tribunale del Riesame che da tre mesi ancora non si pronuncia.

Secondo la stampa locale il procuratore Bruno Giordano ha chiuso le investigazioni, contestando ufficialmente all’indiziato il reato ipotizzato. Ora, l’indagato ha i canonici 20 giorni per chiedere di essere sentito dagli inquirenti.

Decorso tale termine il PM in assenza di fatti rilevanti a difesa potrebbe chiedere il rinvio a giudizio del frate .

Il frate ha operato nella vicina Amantea quale responsabile della comunità francescana di San Bernardino.

Il frate per il suo impegno sociale è molto conosciuto e molto stimato nel comprensorio.

Ma la cosa più rilevante è quella che la piccola comunità del paesino prossimo ad Amantea è letteralmente spaccata i due tronconi, l’uno innocentista, l’altro colpevolista. Ed anzi si sussurra che questa storia abbia origini e ragioni politiche a suo sostegno

Secondo una versione, sorretta da anticipazioni giornalistiche, ci sarebbe addirittura uno “ scontro politico in atto in paese, fra l’ex sindaco Lorelli, solidale al sacerdote, e l’ex vicesindaco Bruni, che dimettendosi, assieme ad altri consiglieri della maggioranza, un anno fa, ha provocato la caduta anticipata della giunta”.

E le elezioni sono ormai prossime.

Advertisements