Pedofilia asilo Vallo della Lucania, otto anni a suor Soledad: i bambini avevano ragione

Condannata a otto anni la giovane suora peruviana e a un anno e quattro mesi due consorelle per favoreggiamento.Assolti gli altri due imputati.

Di Roberta Lerici

Dopo sei ore di camera di consiglio, ieri sera (12 gennaio 2012) è arrivata l’attesa sentenza per il caso di pedofilia scoppiato nel 2006 all’asilo Paolo VI di Vallo della Lucania.Una quarantina i bambini coinvolti e una suora peruviana la principale imputata.Il processo vedeva imputate per favoreggiamento anche altre due suore dell’asilo, un fotografo e un muratore. Condannata a otto anni suor Soledad e a un anno e quattro mesi le due consorelle.Assolti, invece, gli altri due imputati, muratore e fotografo. Gli avvocati di suor Soledad avevano sostenuto la tesi del contagio fra genitori, ma le testimonianze dei bambini hanno convinto i giudici. Ogni volta che alla sofferenza di bambini così piccoli (dai 3 ai cinque anni quelli coinvolti), viene resa giustizia, si compie un passo avanti verso quella tutela dei minori tanto invocata ma molto poco praticata.

Che i terribili racconti di ciò che accadeva all’asilo di Vallo fossero frutto di un contagio fra i genitori o della fantasia di bambini che hanno da poco imparato a parlare, è una tesi che, come ha anche stabilito la Cassazione in una recente sentenza, deve essere dimostrata. Evidentemente, in questo processo la fantasia era da ricercarsi più nelle tesi difensive, che nelle dure e sofferte parole dei bambini.

Autore Roberta Lerici-13 gennaio 2012 www.bambinicoraggiosi.com

http://www.bambinicoraggiosi.com/?q=node%2F2603

fonte della notizia Il mattino 13 gennaio 2012

Le principali tappe dell’indagine

Il 29 maggio 2006 i genitori di alcuni bambini, che frequentavano l’asilo “Paolo VI” di Vallo della Lucania, denunciano in Procura casi di violenza sessuale sui loro bambini. Sotto accusa finisce una suora peruviana di 23 anni, suor Soledad, che opera nell’asilo.
Il 17 giugno 2006 Suor Soledad viene arrestata per evitare che la suora fugga all’estero.
Il 21 giugno 2006 il giudice interroga la suora per le indagini preliminari.
Il 23 giugno 2006 alla suora sono concessi gli arresti domiciliari presso la casa romana della congregazione delle Ancelle di S.Teresa del Gesù Bambino
Il 22 settembre vengono sentiti in sede di incidente probatorio i bambini e per evitare dei traumi il Tribunale viene trasformato in asilo.
Il 13 ottobre 2006 scatta un nuovo filone dell’inchiesta, teso ad appurare il coinvolgimento di alcune persone in un giro pedopornografico.
La Corte di Cassazione ha confermato la decisione assunta dal giudice del Tribunale del Riesame che aveva concesso gli arresti domiciliari alla suora.
I giudici della Cassazione osservano che il contenuto delle dichiarazioni dei bambini e i modi di rappresentarle, anche mediante la simulazione dei gesti compiuti appaiono indicativi della partecipazione ad un vissuto effettivo, inoltre tra gli altri elementi concorrenti atti a far ipotizzare il reato di pedofilia ci sarebbero anche i fenomeni di disagio psicologico rilevati in alcuni bambini e infiammazioni degli organi genitali e anali degli stessi.

http://www.giornaledelcilento.it/it/13-01-…ione-10827.html

Vallo della Lucania. Processo Suor Soledad: condannata la suora ad 8 anni di reclusione

Di Marianna Vallone • 13 gennaio 2012 11:20

Appena emessa la sentenza di primo grado per il caso di Vallo della Lucania: condannata ad 8 anni di reclusione la suora peruviana accusata dal 2006 di atti sessuali a danno di circa 30 bambini dell’istituto religioso Santa Teresa di Vallo della Lucania.

E’ quanto si apprende dall’avvocato Suadoni, parte civile per una delle famiglie dei minori. In seguito all’incidente probatorio durante il quale i minori sono stati sentiti in aule protette e in videoconferenza da neuropsichiatri infantili c’è stato il rinvio a giudizio e l’inizio del processo.

Sono stati ascoltati circa 200 testimoni che avrebbero confermato gli abusi sessuali compiuti a danno dei minori da parte di Suor Soledad e dopo aver sentito il testimonio della difesa, tra i quali spicca il nome del criminologo Bruno, è arrivata la sentenza di primo grado con la quale il collegio di Vallo della Lucania avrebbe condannato parzialmente Soledad ad 8 anni di reclusione e a 16 mesi due suore, suor Romana e suor Agnese, per favoreggiamento personale.

Assolto il muratore con formula dubitativa e assoluzione piena per il fotografo, anch’essi coinvolti nella vicenda.

Inoltre, su 21 persone costituite parte civile solo a 10 è stato riconosciuto un risarcimento dei danni dal tribunale con una provvisionale di 10.000 euro anche per quanto riguarda le spese legali.

Riproduzione riservata ©

Articoli correlati:

Vallo della Lucania, processo suor Soledad: attesa la sentenza tra domani e dopodomani

CASO SUOR SOLEDADIl processo entra nel vivo, sentito un maresciallo sulla fase delle indagini

CASO SUOR SOLEDADI coniugi Del Gaudio a “Mattino Cinque”: “Basta con la cultura del silenzio”

CASO SUOR SOLEDADDefinite prove e testimonianze che andranno agli atti, respinte alcune istanze dell’accusa

CASO SOLEDADAl via il processo contro la suora accusata di abusi sessuali sui bambini del Santa Teresa

VALLO DELLA LUCANIAProcesso a Suor Soledad, rinviata al 25 marzo la prima udienza

CASO SUOR SOLEDADRinviati a giudizio anche i quattro indagati del secondo filone di indagini

VALLO DELLA LUCANIAVicenda Suor Soledad: rinviata a martedì prossimo la decisione sul secondo filone di indagini

VALLO DELLA LUCANIAIl 15 ottobre via al processo a Suor Soledad. Il 6 si decide per gli altri indagati

http://www.infoagropoli.it/notizie/Vallo-d…ione_12389.html

Vallo della Lucania: Suor Soledad condannata a 8 anni di reclusione
(Pubblicato il 13/01/2012 alle 13:55)

E’ stata condannata a 8 anni di reclusione in primo grado Suor Soledad, la suora peruviana accusata nel 2006 di aver compiuto atti sessuali a danno di circa 30 bambini dell’istituto religioso Santa Teresa di Vallo della Lucania. Sedici mesi invece la condanna per suor Romana e suor Agnese accusate di favoreggiamento. Il tribunale di Vallo della Lucania ha riconosciuto anche un risarcimento danni per alcune famiglie costituitesi parte civile.

Advertisements