ORIA – Un sospetto. Forse qualcosa in più.

ORIA – Un sospetto. Forse qualcosa in più.

Di certo, un’inchiesta della Procura con un religioso indagato per pedofilia.

La vicenda ha come teatro Oria, dove i carabinieri hanno avviato una serie di accertamenti dopo aver appreso la notizia di reato che – come si diceva – riguarda un religioso che esercita in questo Comune e che ora, in via precauzionale e in attesa che la vicenda possa essere chiarita in ogni suo aspetto, è stato «trasferito» in un’altra città.

Accuse, comunque, tutte da dimostrare non fosse altro perchè il religioso in questione è «persona stimata» da molta gente ad Oria.

La vicenda ruota intorno ad un termine – «monello» – che avrebbe in qualche modo suscitato una reazione allarmante in una bambina temporaneamente affidata ad una famiglia oritana.

Sembra che per gioco qualcuno di questa famiglia abbia indicato la piccola con questo termine e in tutta risposta – inaspettatamente – la bambina abbia detto: «Non sono io monella, monello è…», indicando così il nome del sacerdote che probabilmente si faceva chiamare «monello» quando accadevano delle «cose strane».

Cose strane che per gli inquirenti sarebbero abusi sessuali ai danni della piccola e di altre sue coetanee.

Per questo, è stata avviata un’inchiesta nel corso della quale la piccola è stata sentita alla presenza di psicologi confermando – secondo le accuse – le ipotesi avanzate riguardo il presunto caso di pedofilia.

A far scattare l’inchiesta, attraverso una precisa segnalazione, proprio la famiglia alla quale la piccola era stata temporaneamente affidata.

Una vicenda dai contorni ancora tutti da chiarire ma che potrebbe riservare clamorose sorprese.

Nulla è trapelato sull’identità del religioso nè su altri particolari e testimonianze che pure sono al vaglio degli inquirenti da qualche settimana.

Come si diceva, l’indagato è stato al momento trasferito e sicuramente non ha contatti con bambini a differenza di quello che invece accadeva ad Oria.

http://lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=471372&IDCategoria=1

Advertisements