Pedofilia. Si dimette cardinale di Filadelfia, Justin Rigali ha insabbiato i casi, spostando i preti di parrocchia in parrocchia

martedì 19 luglio 2011 15:18

Il cardinale Justin Rigali in una immagine di archivio REUTERS/Tim Shaffer

FILADELFIA (Reuters) – Il Vaticano ha annunciato oggi di aver accettato le dimissioni del cardinale Justin Rigali, la cui guida dell’arcidiocesi cattolica di Filadelfia era stata macchiata da uno scandalo su abusi sessuali commessi da sacerdoti su minori.

L’arcidiocesi, la sesta per grandezza negli Stati Uniti, con un milione e mezzo di fedeli, è stata accusata di aver tenuti segreti gli abusi sessuali su minori commessi da preti per cercare di evitare un costoso scandalo.

In un comunicato, il Vaticano ha detto di aver accettato le dimissioni di Rigali, 76 anni, ma non ha fatto alcun commento diretto sulla vicenda. Al posto di Rigali, è stato nominato l’arcivescovo di Denver, Charles Chaput, ha comunicato la Santa sede.

Negli ultimi anni la Chiesa cattolica è stata scossa da una serie di scandali relativi al tentato insabbiamento di abusi su minori sia in Europa che negli Stati Uniti.

Rigali, arcivescovo a Filadelfia dal 2003, ha cercato di contenere lo scandalo dei preti pedofili seguito al rapporto diffuso da un grand jury a inizio anno. Tre sacerdoti, un monsignore e un insegnante sono stati incriminati dopo l’inchiesta.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE76I0BH20110719

Usa/ Va in pensione card. Rigali, su diocesi ombra pedofilia
A Philadelphia arriva il ‘pro life’ Chaput, stimato in Vaticano
postato 4 ore fa da TMNews

Città del Vaticano, 19 lug. (TMNews) – Va in pensione a 76 anni il cardinale statunitense Justin F. Rigali. Il Papa ha accettato le sue dimissioni per raggiunti limiti di età ed ha nominato nuovo arcivescovo di Philadelphia monsignor Charles J. Chaput, sinora arcivescovo di Denver.

Nessun riferimento, nella nota vaticana, alle accuse indirizzate negli anni scorsi a Rigali e alla diocesi di Philadelphia per alcuni casi di pedofilia da parte dei preti. In particolare, un Gran giurì ha accusato nel 2005 Rigali e il suo predecessore, cardinale Anthony Bevilacqua, di aver sottovalutato le denunce a decine di sacerdoti sospetti. L’arcidiocesi, più in generale, è stata accusata di essersi limitata a trasferire alcuni preti pedofili da una parrocchia all’altra.

Monsignor Chaput, vescovo conservatore ‘pro life’, è molto stimato in Vaticano, che, negli ultimi mesi, gli aveva affidato due missioni delicate: il presule è stato uno dei ‘visitatori’ della congregazione dei Legionari di Cristo, finita sotto inchiesta vaticana per le malefatte del fondatore; ed ha gestito la rimozione di un vescovo australiano, William Morris di Toowomba, che aveva fatto delle aperture alla possibilità dell’ordinazione di donne e uomini sposati.

http://notizie.virgilio.it/notizie/politic…a,30662267.html

Advertisements