Verona, la manifestazione degli ex alunni del Provolo

Venerdì scorso un gruppo di nostri soci ha partecipato alla manifestazione di solidarierà con gli ex alunni dell’Istituto Provolo, portando due bandiere del circolo e tre cartelloni. La nostra presenza era citata nella cronaca dell’Arena del giorno seguente. C’era un gruppo di aderenti al partito radicale, con alcuni dirigenti nazionali, tra i quali l’on. Maurizio Turco, che ha brevemente parlato in piazza Bra alla fine della manifestazione. Molti erano gli ex alunni del Provolo. E’ rimasto deluso chi aspettava di vedere il vescovo Zenti con qualche prete o il sindaco Tosi o esponenti politici veronesi. Abbiamo avuto modo di conoscere e di parlare con esponenti delle associazioni promotrici della manifestazione e con ex alunni del Provolo che hanno avuto il coraggio di testimoniare la loro terribile esperienza infantile. Venerdì scorso è mancata la solidarietà da parte della città di Verona. Tuttavia, abbiamo apprezzato l’applauso corale da parte dei clienti di un bar, mentre una signora gridava: “siamo con voi”. Più avanti un signore si è permesso di dire: “Perché hanno aspettato cinquant’anni per parlare?” ed una signora rispondergli: “meglio tardi che mai”. Se la verità fosse dipesa dalla chiesa cattolica, avremmo aspettato per l’eternità. Il vescovo era stato informato da un anno e mezzo della vicenda, la Curia da tre, prima che lo scandalo di sacerdotale pedofilia fosse denunciato dall’Espresso. Invece, Zenti in una conferenza stampa cadeva dalle nuvole e diceva: “È una vicenda che ci ha lasciato sgomenti , sono convinto che si tratta di una montatura, di menzogne” e ancora: “Una vicenda losca, chiamare in causa monsignor Giuseppe Carraro (vescovo dal 1958 al 1978), per il quale è stata avviata la causa di beatificazione, dicendo che un ragazzino fu accompagnato qui e nel salone dell’Episcopio, dove sto parlando, venne abusato. Questo racconto da solo smonta tutto il teorema” (Gazzettino 23/1/2009). E quell’ex ragazzino, al quale è stata rubata la fanciullezza, l’abbiamo conosciuto durante la manifestazione. Però, adesso, la causa di beatificazione del vescovo Carraro è stata bloccata, anche se continua ad essergli dedicato il grosso centro in riva all’Adige che produce servizio ricettivo e di ristorazione senza pagare l’Ici.

Dalla Newsletter del circolo UAAR di Verona

http://www.uaar.it/news/2011/07/03/verona-manifestazione-degli-alunni-del-provolo/

Advertisements