Forlì, prete ricattato. Si attende la perizia del computer

13 aprile 2011 – FORLI’ – Nell’inchiesta che ha travolto don Franco Zaghini, parroco di San Mercuriale, finito al centro del caso di estorsione a sfondo sessuale che ha portato all’arresto di due giovani – Cristian Silimbani di 24 anni e Aldo Mainiero, campano di 25, residente a Forlì – attualmente ai domiciliari, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, guidati dal tenente Cristiano Marella, sono in attesa dei risultati della perizia del materiale informatico sequestrato al sacerdote.

In particolare gli inquirenti vogliono appurare se nel computer del parroco di San Mercuriale ci sono documenti riconducibili alla contabilità oppure mail ricevute, inviate dagli estorsori per mettere sotto pressione il sacerdote. Nel pc si cercano anche indirizzi o nominativi che possono tornare utili ai fini dell’inchiesta. Per il momento ancora nessuna traccia del presunto terzo amante. Gli uomini dell’Arma hanno precisato che deve esser ancora identificato.

www.romagnaoggi.it/forli/2011/4/13/190787/

Advertisements