PRETE MOLESTA RAGAZZINI: “NON SARETE PIÙ GAY”

DES MOINES – Con il sesso orale guarirete dall’omosessualità: io pregherò per voi. Era questa la promessa di un giovane sacerdote, Brent Girouex, che molestava i ragazzi convincendoli che in quel modo si sarebbero liberati del loro orientamento sessuale. Quegli abusi, secondo sacerdote, avrebbero permesso ai ragazzi di raggiungere la purezza di fronte agli occhi del Signore. Le vittime dei soprusi sono state almeno sei. Il pastore trentunenne ha confessato alla polizia i suoi reati. Girouex è stato liberato pagando una cauzione di oltre 30 mila dollari, ma potrebbe essere condannato a cinque anni di prigione per vittima. Girouex risiede a Council Bluffs, nello Stato dell’Iowa, e lavorava come assistente spirituale per i giovani nella chiesa evangelica Victory Fellowship Church. Uno dei ragazzi sarebbe stato abusato sessualmente da quando aveva quattordici anni, come riferito dalla televisione locale Ketv. In Iowa l’età minima per un rapporto consenziente è di sedici anni. Girouex ha ribadito di aver compiuto molestie e che tramite il sesso orale voleva curare i ragazzi che soffrivano di omosessualità. Nei verbali ha dichiarato: “Quando eiaculano, scompaiono anche i cattivi pensieri dalla loro mente”. Ha inoltre messo di aver pregato in continuazione durante gli atti sessuali che praticava sulle sue giovani vittime. La sua prima vittima è stata abusata sessualmente tra le venticinque e le cinquanta volte secondo il sacerdote, mentre il ragazzo, che ora è diventato maggiorenne, ha parlato di un centinaio di incontri. Il giovane pastore avrebbe inoltre affermato che le sue vittime avevano acconsentito agli atti sessuali. Secondo le carte della procura Girouex avrebbe cercato di curare sessualmente anche gli adulti, per esempio un uomo di ventitre anni che aveva problemi con la propria compagna e si era rivolta al giovane sacerdote per un aiuto. Il pastore gli avrebbe tirato giù i calzoni iniziando a toccargli le parti intime, sempre per raggiungere la purezza sessuale.

www.leggo.it/articolo.php?id=113161

Advertisements