MAROCCHINO DENUNCIA GIOVANE PRETE: “HA ABUSATO DI ME”

[18/01/2011]

La diocesi di Nardò ancora nella bufera. Uno scandalo a luci rosse ha infatti travolto un giovane parroco del distretto. L’indagine della Procura sulla scorta di una denuncia di un extracomunitario
caricamento in corso

NARDO’ – La diocesi di Nardò ancora nella bufera. Uno scandalo a luci rosse ha infatti travolto un giovane parroco del distretto neretino. Il suo nome, adesso, compare sul registro degli indagati con l’accusa di violenza sessuale, anche se l’inchiesta in un primo momento venne avviata contro ignoti. Una vicenda molto delicata e non ancora del tutto chiara, che è stata sottoposta all’attenzione del pubblico ministero Stefania Mininni.

Secondo l’accusa, pare che il prelato, 34enne, abbia molestato un cittadino di nazionalità marocchina di 26 anni. L’episodio risale allo scorso 15 ottobre. L’inchiesta penale è partita in seguito alla denuncia della presunta vittima, che dopo qualche tempo presentò una formale querela nella caserma dei carabinieri di Nardò. Nella denuncia, il giovane ha raccontato di aver ricevuto carezze piuttosto invadenti da parte del prete.

Pare che l’ecclesiastico lo stesse aiutando a cambiarsi i vestiti: è plausibile ritenere che il giovane usufruisse di qualche servizio di carità offerto dalla parrocchia. E proprio in questo frangente, le mani del prete sarebbero scivolate lì dove non dovevano. Almeno, questo è il racconto fatto dal giovane straniero. Sulla vicenda, vista la delicatezza della questione, vige il massimo riserbo. Toccherà infatti alle indagini capire se le accuse siano fondate oppure soltanto frutto di un equivoco.
Linda Cappello

www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=25091

Ancora problemi per la diocesi di Nardò: una denuncia contro un giovane sacerdote

NARDO’ – Ancora fango contro la diocesi di Nardò Gallipoli.

Un giovane prete poco più che trentenne non di origine neritina ma appartenente alla diocesi è stato denunciato da un giovanissimo di origine africana, non minorenne. Il sacerdote compare sul registro degli indagati con l’accusa di violenza sessuale anche se l’inchiesta prende le mosse da una denuncia contro ignoti. Sono state le accurate indagini dei carabinieri, successivamente, a risalire all’identità del sacerdote. Si occupa della vicenda il pubblico ministero Stefania Mininni.
Secondo l’accusa il 15 ottobre un giovane nordafricano residente a Nardò avrebbe ricevuto attenzioni un po’ morbose da parte del sacerdote mentre lo aiutava a cambiarsi d’abito. Staremo a vedere come finirà anche questa storia che, essendo proprio all’inizio, è suscettibile di ulteriori e anche radicali approfondimenti.

www.portadimare.it/cronaca/2540-anc…ovane-sacerdote

 

Advertisements