Manette in aula a ex-prete pedofilo

Arrestato non appena è stata pronunciata la sentenza l’ex prete sudamericano, reo di stupro ai danni di un 13enne

RIMINI – Il giudice pronuncia la sentenza e per l’ex prete sudamericano accusato di pedofilia scattano le manette. L’uomo si trovava ai domiciliari e forse contava di poter evitare il carcere fino al pronunciamento della sentenza dell’ultimo grado di giudizio, in Cassazione. Così non è stato. Evento più unico che raro ma che trova spiegazione nell’inasprimento delle misure adottate lo scorso anno per vicende inerenti i fatti di pedofilia. E’ accaduto l’altro giorno a Bologna davanti alla Corte d’Appello a cui l’ex sacerdote accusato di aver stuprato un 13enne si era rivolto sperando in una condanna più clemente di quella inflitta in primo grado a Rimini. Ed effettivamente i guanti di velluto, i giudici bolognesi li hanno pure usati. All’ex prete la condanna è stata infatti dimezzata, portandola da otto anni di reclusione a quattro. Confermato il pagamento di 350mila euro alle parti civili, cioè al bambino violentato e al padre per i danni morali riportati nella dolorosa vicenda. Ad accogliere il verdetto, venerdì pomeriggio in aula, c’era pure lui, l’ex sacerdote sospeso a divinis.

http://www.romagnanoi.it/news/rimini/580334/Manette-in-aula-a-ex-prete.html

Advertisements