Il sacerdote cattolico è accusato di decine di violenze sessuali contro bimbi nicaraguensi

http://www.emilianet.it/Sezione.jsp?titolo…&idSezioneRif=5

Il sacerdote cattolico è accusato di decine di violenze sessuali contro bimbi nicaraguensi. Ha chiesto il rito abbreviato. Il tribunale gli nega la scarcerazione: a suo carico intercettazioni telefoniche e 1400 video pornografici trovati nel computer
Don Marco Dessì, aperto il processo al prete accusato di pedofilia
PARMA (3 mag. 2007) – E’ cominciata questa mattina a Parma l’udienza preliminare del processo a don Marco Dessì, il sacerdote accusato di aver violentato decine di bambini in Nicaragua. Tramite i suoi legali ha chiesto il rito abbreviato.
L’udienza è stata aggiornata al 22 maggio. Don Dessì, 59 anni, originario della provincia di Cagliari, era stato arrestato il 4 dicembre dell’anno scorso dopo una denuncia presentata dal Comune di Correggio e dall’associazione Rock No War, che avevano ospitato giovani della sua comunità in Nicaragua e raccolto le loro drammatiche testimonianze sulle violenze subite. Questa mattina si è aperta l’udienza preliminare davanti al giudice Roberto Spanò.
Don Dessì è ancora detenuto, perché il Tribunale del Riesame ha respinto l’istanza di scarcerazione. a suo carico ci sono anche intercettazioni telefoniche e circa 1.400 filmati pedopornografici ritrovati sul suo personal computer. Alcuni suoi sostenitori erano oggi davanti all’aula e hanno parlato di calunnie e di complotto ai suoi danni. Gli avvocati difensori hanno chiesto al giudice di ascoltare la deposizione di una testimone, una ragazza modenese. Al caso ha lavorato anche il criminologo reggiano Lino Rossi, consulente della Procura di Parma, che ha ritenuto attendibili le testimonianze dei 6 giovani che accusano don Dessì.

Advertisements