Nella canonica della parrocchia in bassa Sabina i carabinieri hanno trovato anche un paio di manette e Dvd a luci rosse

Un paio di manette e qualche Dvd a luci rosse: anche questi oggetti sono finiti nello scatolone con il materiale sequestrato dai carabinieri nella canonica dove abita il sacerdote sospettato di pedofilia. Accade in bassa Sabina, nella Diocesi di Poggio Mirteto ed è stato lo stesso vescovo Lino Fumagalli a diffondere ieri a metà pomeriggio una nota dopo che le voci si erano rincorse nella zona fin dalle prime ore del mattino. «In seguito ad alcune indagini condotte dai carabinieri il sacerdote … ha chiesto al Vescovo di essere sospeso dall’incarico, richiesta accolta in attesa dell’esito degli accertamenti. Monsignor Fumagalli è particolarmente vicino con la preghiera e con fraterno affetto all’intera comunità parrocchiale di … colpita duramente dal diffondersi delle notizie. Si esprime vicinanza al Parroco e si auspica, fiduciosi nell’operato delle istituzioni, un’accurata e solerte conclusioni delle indagini». Detto che abbiamo omesso il nome perché il sacerdote è, almeno per ora, indagato in stato di libertà, facciamo un passo indietro, ovvero fino all’altro ieri quando i carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto, su incarico del sostituto procuratore Rosalia Affinito, hanno perquisito l’abitazione del religioso: un’operazione motivata della denuncia con cui sono cominciati i guai del sacerdote assai conosciuto nella diocesi mirtense in cui ha già guidato diverse parrocchie. L’intervento dei militari, in verità, non ha stupito la comunità del paese sabino che ospita la parrocchia: già prima dell’inchiesta della Procura non mancavano coloro che, seppure non ufficialmente, manifestavano perplessità sull’operato del sacerdote. Come del resto non mancano coloro che, indignati per il tenore delle accuse, lo ritengono vittima di equivoci che saranno presto chiariti. E questo spiega anche il tam tam che ieri mattina ha cominciato a far rimbalzare da un angolo all’altro della Diocesi la vicenda con poco o punto precedenti in provincia. Di certo sarà necessario attendere i prossimi giorni per conoscere gli esiti delle indagini a dir poco delicate che metteranno a confronto il religioso con coloro che lo accusano.
R.R.

Advertisements