In manette il parroco e il professore Hanno abusato di una sedicenne

VITERBO – All’ inizio erano soltanto increduli, poi sono rimasti senza parole alla notizia dell’ arresto del parroco. Poco dopo è arrivata anche quella del fermo del professore. Per tutta la giornata di ieri non si è parlato d’ altro a Vitorchiano, piccolo centro alle porte di Viterbo. Secondo le accuse, i due avrebbero abusato di una ragazzina di 16 anni. Il sacerdote è Giuliano Medori, 59 anni, esorcista. Il professore insegna scienze al liceo pedagogico di Viterbo e si chiama Massimo Sonno, ha 47 anni. Entrambi sono stati arrestati ieri mattina dalla squadra mobile su ordine del gip e richiesta del procuratore generale, Giancarlo Armati, e del sostituto, Donatella Ferranti. L’ accusa è violenza sessuale continuata ed aggravata su una minorenne. Dietro la vicenda “una storia d’ amore”, un rapporto tra il professor Sonno e la ragazzina. Durava da tre anni, da quando lei, appena tredicenne, aveva iniziato a frequentare il liceo pedagogico. I due sono riusciti a tenere nascosta a lungo la loro relazione. Ma qualche mese fa la storia è stata scoperta dalle compagne di banco della ragazza, che l’ hanno riferita ai professori. è quindi intervenuto il preside che, d’ intesa con la madre della giovane, ha avvertito il provveditore agli studi e affidato la ragazza alle cure di una sociologa- psicologa. Sarebbe stata quest’ ultima a denunciare la vicenda alla polizia determinando l’ avvio delle indagini. Benchè si trattasse di una relazione, per il docente è scattata l’ accusa di violenza così come prevede il codice penale per rapporti sessuali con persone così giovani. Per quanto riguarda invece don Giuliano Medori, l’ incontro con la giovane sarebbe avvenuto soltanto alcuni mesi fa quando la ragazza lo ha avvicinato per cercare conforto alla sua situzione. è stato in questo periodo che il sacerdote, secondo l’ accusa, avrebbe cercato di approfittare della ragazza. Da indiscrezioni, sembrerebbe che gli inquirenti abbiano fatto largamente uso di intercettazioni ambientali nei confronti del sacerdote, piazzando anche microtelecamere nella canonica. Medori e Sonno sono stati rinchiusi nel carcere di Mammagialla, dove saranno ascoltati dai magistrati. Per il sacerdote l’ ordine di custodia prevede anche un altro reato, quello di maltrattamento. “Siamo amareggiati ma sereni ed abbiamo piena fiducia nell’ operato della magistratura”, dice monsignore Pietro Concioli vicario generale della diocesi di Viterbo. “I reati contestati a don Giuliano sono assai gravi – prosegue – ma ugualmente sono tutti da verificare e fino a prova contraria nessuno può essere giudicato colpevole prima di una sentenza. Se don Giuliano ha sbagliato dovrà pagare”. La notizia dell’ arresto di don Medori, a sua volta insegnante di religione nella scuola media di Vitorchiano, è arrivata in Curia nella tarda mattinata mentre era in corso una riunione presieduta dal vescovo Lorenzo Chiarinelli. Lo sconcerto è stato totale.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/06/17/in-manette-il-parroco-il-professore-hanno.html

Advertisements